coinbase: L’umiliazione di Coinbase

Brian Armstrong, CEO del più grande scambio di criptovalute negli Stati Uniti, ha viaggiato in tutto il mondo per fare un annuncio all’inizio di aprile: Coinbase stava portando le criptovalute in India.

In un auditorium a Bangalore, Armstrong, indossando un tipo di camicia ampia con bottoni popolare in India, ha affermato che Coinbase prevede di creare un hub di 1.000 dipendenti entro la fine di quest’anno. La società stava investendo in startup indiane e consentendo ai clienti locali di acquistare e vendere valute digitali nel suo scambio. Per Coinbase, è stata un’opportunità per trasformare la finanza in un paese di oltre 1 miliardo di persone e attirare nuovi clienti da tutta l’Asia.

“Namaste”, dichiarò Armstrong. “Veniamo con umiltà e rispetto”.

Ma quella settimana, Coinbase ha ricevuto delle brutte notizie. Un gruppo sostenuto dal governo ha rilasciato una dichiarazione in cui suggeriva che la società non sarebbe stata in grado di utilizzare una piattaforma di pagamento cruciale, un sistema che avrebbe dovuto consentire ai clienti Coinbase di convertire le proprie rupie in valute virtuali come Bitcoin ed Ether. Non molto tempo dopo la sua inaugurazione, Coinbase ha mantenuto gran parte del suo servizio di trading in India.

Coinbase è salito alla ribalta come una delle prime grandi società di criptovalute, una porta d’accesso al caotico mondo delle risorse digitali per gli investitori dilettanti. Ma poiché è cresciuta da coraggiosa startup a società quotata in borsa, il suo status di leader del settore è stato minacciato da una serie di passi falsi e da un forte calo del mercato delle criptovalute negli ultimi sei mesi.

L’avvio disordinato di Coinbase in India, un mercato in gran parte non sfruttato per le criptovalute, è stato emblematico dei fallimenti che hanno turbato i dipendenti e fatto precipitare il prezzo delle azioni della società. A giugno, Coinbase ha licenziato il 18% del suo personale.

Scopri le storie di tuo interesse



Per anni, Coinbase ha aspirato a diventare il Google delle criptovalute, come dicono alcuni dipendenti, un’azienda che cambia il mondo con una portata globale e un’ampia gamma di prodotti. Invece, l’azienda rischia di sprecare il suo vantaggio, poiché concorrenti più agili come FTX e Binance continuano ad espandersi nonostante la recessione, secondo le interviste con esperti di criptovalute e 23 dipendenti Coinbase attuali ed ex.

“È diventata una situazione un po’ caotica per loro”, ha affermato Dan Dolev, analista della società finanziaria Mizuho che segue Coinbase. “È la tempesta perfetta.”

Alcuni addetti ai lavori attribuiscono i problemi di Coinbase in parte ai passi falsi strategici dei dirigenti che Armstrong ha sfruttato per trasformare l’azienda in un colosso delle criptovalute. Con l’aumento dei prezzi delle criptovalute, Coinbase ha assunto migliaia di nuovi dipendenti, il che ha portato a spese eccessive e gonfiori.

Alcune reclute provenivano da titani della Silicon Valley come Google e Meta, inclusi alti dirigenti. Ora i dipendenti affermano che l’azienda è irriconoscibile da quella che ha dominato i primi anni delle criptovalute, con alcuni leader che mancano di una profonda esperienza nel settore.

Nonostante il suo inizio anticipato, Coinbase non ha mai avuto una forte presa sul mercato internazionale, dominato da Binance. L’azienda è andata in India nonostante la diffusa incertezza su come avrebbe reagito il governo, un approccio ritenuto imprudente dagli esperti del settore.

Quindi, in primavera, Coinbase ha presentato il suo prodotto più pubblicizzato dell’anno, un mercato di token non fungibili, gli oggetti da collezione digitali noti come NFT. Ma il mercato non ha attirato molto interesse ed è stato criticato dagli appassionati di NFT.

Non tutte le recenti lotte di Coinbase sono di sua creazione. Il forte calo dei prezzi delle criptovalute ha portato a un calo degli scambi, che rappresentano la stragrande maggioranza delle entrate dell’azienda. Essendo la più grande società di criptovalute sul mercato pubblico, Coinbase sopporta il peso maggiore dei problemi del settore più ampio, con il prezzo delle sue azioni che fluttua parallelamente a Bitcoin e altre criptovalute volatili. (La società ha avuto una spinta questa settimana, quando ha annunciato una partnership con BlackRock, il più grande gestore patrimoniale del mondo. Giovedì le sue azioni sono aumentate del 10%.)

Armstrong ha rifiutato di essere intervistato. Ma cinque dei suoi massimi dirigenti hanno difeso le prestazioni dell’azienda. In una serie di interviste, hanno affermato che Coinbase stava sviluppando una serie di prodotti crittografici, alcuni dei quali potrebbero richiedere tempo per prendere piede, e hanno sottolineato che la società ha resistito alle flessioni passate.

Emilie Choi, chief operating officer, ha affermato che il modello di business di Coinbase – in cui le commissioni di trading mantengono la società in funzione mentre si sviluppano altri progetti – ricorda l’approccio delle principali società tecnologiche come Meta, che fa affidamento su dollari pubblicitari per finanziare scommesse a lungo termine.

“Il modo in cui operiamo è il modo in cui opereremo sempre”, ha detto Choi. “Un focus a lungo termine sul futuro”.

Coinbase è stata fondata nel 2012 da Armstrong e Fred Ehrsam, un ex trader di Goldman Sachs che ora gestisce una società di investimento in criptovalute. In un settore pieno di frodi, Coinbase si è guadagnata la reputazione di piattaforma sicura e facile da usare per l’acquisto e la vendita di criptovalute. Ma con la crescita dell’attività, la leadership di Armstrong a volte ha suscitato dissenso interno: nel 2020, i dipendenti neri si sono lamentati di trattamenti discriminatori.

Nell’aprile 2021, Coinbase è diventata pubblica con una valutazione di 86 miliardi di dollari, rendendo Armstrong uno dei dirigenti più ricchi di criptovalute. L’azienda è diventata un nome familiare, noto per il suo memorabile annuncio del Super Bowl con un codice QR che rimbalza.

Ma con la crescita di Coinbase, alcuni dipendenti temevano che non stesse facendo abbastanza per competere con FTX e Binance nel mercato internazionale, in particolare con i regolatori americani che contemplavano una repressione del settore.

Nel 2019 e nel 2020, i dirigenti di Coinbase hanno discusso dell’apertura di un hub internazionale a Singapore, secondo tre persone che hanno familiarità con i colloqui. La società ha riconosciuto la necessità di competere con Binance offrendo una gamma più ampia di token, oltre a prodotti di trading di derivati ​​vietati negli Stati Uniti, hanno affermato le persone. Ma il progetto non è mai andato a buon fine.

Sono stati fondati sforzi più recenti per l’espansione internazionale. In India, Coinbase ha affermato che si collegherà a un popolare sistema di pagamento sostenuto dal governo chiamato Unified Payments Interface. Ma poco dopo l’annuncio di Coinbase, la National Payments Corporation of India, un gruppo pubblico-privato che gestisce UPI, ha twittato di “non essere a conoscenza di scambi di criptovalute che utilizzano UPI”.

Presto Coinbase ha interrotto l’accesso in India; i clienti locali possono ancora utilizzare lo scambio per scambiare un tipo di cripto con un altro, ma non possono acquistare risorse digitali con valuta tradizionale. In una richiesta di utili a maggio, Armstrong ha affermato che la società ha subito “pressioni informali” da parte delle autorità indiane.

“La nostra preferenza è davvero solo quella di lavorare con loro e concentrarci sul rilancio”, ha detto.

La fanfara del lancio di Coinbase ha colpito gli altri nel settore delle criptovalute come sciocca. In discussioni private con l’industria, le autorità di regolamentazione indiane avevano suggerito di essere caute nell’apparire avallare apertamente le criptovalute, secondo qualcuno coinvolto nei colloqui, e avrebbero preferito che le aziende adottassero un approccio più misurato.

Coinbase “ha sopravvalutato il potenziale supporto del governo”, ha affermato Prasanto Roy, un consulente per le politiche tecnologiche in India. “È andato in mare”.

In un’intervista, Nana Murugesan, un dirigente di Coinbase che sovrintende all’espansione internazionale, ha affermato che la società è andata in India nonostante l’incertezza perché voleva chiarire la posizione normativa del paese.

“L’azione produce informazioni”, ha detto Murugesan. “Vogliamo imparare da queste informazioni e guidare il nostro processo decisionale e i prossimi passi”.

Negli anni Coinbase ha cercato di espandersi in altri modi, creando una suite di prodotti e servizi. Tuttavia, nel primo trimestre di quest’anno, quasi il 90% delle sue entrate proveniva dalle commissioni di negoziazione.

Coinbase ha iniziato a lavorare sul mercato NFT l’anno scorso, con un team che alla fine è cresciuto fino a raggiungere circa 30 ingegneri, designer e altri dipendenti. Armstrong ha esaltato il progetto, affermando che gli NFT “potrebbero essere grandi o più grandi” del business delle criptovalute di Coinbase.

Ma lo sviluppo del mercato è stato un processo doloroso, rallentato da disaccordi sull’aspetto del prodotto e sui tipi di clienti a cui rivolgersi, secondo tre persone che hanno familiarità con la situazione. Il progetto è stato guidato da Sanchan Saxena, una recente recluta di Airbnb, che ha immaginato un sito in stile Instagram creato per mostrare le raccolte NFT degli utenti. Alcuni dipendenti che hanno lavorato sul mercato erano scettici sul fatto che l’idea avrebbe preso piede, hanno detto due delle persone, dal momento che i commercianti di NFT hanno spesso trattato gli articoli come veicoli per scommesse speculative piuttosto che come arte digitale.

Coinbase sperava di svelare il mercato nel primo trimestre di quest’anno, ha detto Saxena in un’intervista. Ma è stato posticipato fino alla fine di aprile. A quel punto, il mercato NFT più ampio era crollato: le vendite sono diminuite di oltre l’80% rispetto al calo.

Dopo il suo rilascio, il mercato ha ricevuto recensioni aspre. Nell’ultima settimana di luglio, ha generato circa $ 24.000 al giorno in scambi, 600 volte meno del volume del suo principale concorrente, OpenSea, che funge da sorta di eBay per NFT.

Saxena ha affermato che l’approccio in stile Instagram mirava a creare il tipo di comunità crittografica che esiste su siti come Twitter e Discord.

“Stiamo ancora perseguendo questo prodotto. Non getteremo la spugna”, ha detto. “Avremmo potuto fare un lavoro migliore spiegando probabilmente che ‘Ehi, il nostro obiettivo è prima di tutto web3 social.'”

Nei 18 mesi precedenti il ​​crollo del mercato delle criptovalute, lo staff di Coinbase è più che quadruplicato in termini di dimensioni, a 6.100 da 1.250. (Un portavoce ha affermato che la società ha “posto un grande accento” sull’assunzione di dipendenti con un forte background crittografico, specialmente in ruoli chiave nello sviluppo di prodotti.)

Ma con la crescita di Coinbase, i progetti hanno iniziato a sentirsi a corto di personale e il processo decisionale è rallentato in mezzo a strati di burocrazia, secondo cinque persone che hanno familiarità con l’azienda. I dipendenti di lunga data erano preoccupati che i nuovi assunti si sentissero “senza timone”, ha detto una persona, e hanno scherzato sul fatto che si potesse dire la durata del mandato di qualcuno in Coinbase dal numero di volte in cui le nuove reclute si rivolgevano a loro chiedendo aiuto.

Anche l’annuncio del Super Bowl non si è concretizzato: con l’avvicinarsi del gioco, Coinbase non aveva deciso un’idea e i dipendenti hanno discusso della possibilità di rivendere il tempo di trasmissione, secondo due persone che hanno familiarità con la questione.

Il problema è stato particolarmente grave per il team di assistenza clienti di Coinbase. I nuovi membri del personale spesso si sentivano come se non avessero abbastanza da fare. “Ho ricevuto forse quattro telefonate al giorno per un po'”, ha detto David Visini, un impiegato del servizio clienti che è stato licenziato. “Era morto, morto, morto”.

Choi, il direttore operativo, ha riconosciuto che Coinbase è stato “escluso” durante la pandemia e ha affermato che era difficile integrare le nuove reclute in un ambiente remoto.

“Non so se avessimo esattamente il giusto set di strumenti per prepararli al successo”, ha detto.

Il mercato delle criptovalute è crollato a maggio, provocando un calo del prezzo delle azioni di Coinbase di circa il 60%. Nel primo trimestre, le entrate di Coinbase sono diminuite del 27% rispetto all’anno precedente, a 1,17 miliardi di dollari, anche se le sue spese sono più che raddoppiate, a 1,72 miliardi di dollari.

I suoi concorrenti sembrano andare meglio. Sam Bankman-Fried, CEO di FTX, ha dichiarato in un’e-mail che i suoi risultati finanziari sono stati “simili a quelli dell’anno scorso, quando la società ha registrato profitti per circa $ 350 milioni. Binance, il più grande scambio al mondo, ha rifiutato di rivelare i dati sulle entrate. Ma a giugno, il fondatore e CEO dell’azienda Changpeng Zhao ha annunciato che stava assumendo per 2.000 posizioni aperte.

Quel mese, i dipendenti di Coinbase hanno fatto circolare una petizione chiedendo la cacciata di diversi alti dirigenti. Armstrong ha risposto in modo aggressivo su Twitter, invitando i dipendenti scontenti a dimettersi. Ma durante una riunione del personale, lui e altri dirigenti hanno preso una nota più conciliante, dicendo che i dipendenti dovrebbero mantenere la fiducia nelle criptovalute e che l’azienda sarebbe uscita più forte dal tumulto, secondo due persone che hanno partecipato.

Pochi giorni dopo, l’azienda ha licenziato 1.100 dipendenti.

Questo articolo è apparso originariamente sul New York Times.